Introduzione: Dal 2010 a Piacenza è stato registrato un importante incremento del numero di defibrillatori (DAE) negli impianti sportivi e in strada: fino al 2010 città e provincia ne contavano circa 70, mentre negli anni 2010-2016, anche grazie alla legge Balduzzi, il numero ha raggiunto quota 336. I DAE nei centri sportivi sono dislocati in posizioni strategiche, accessibili a chiunque in caso di bisogno, quelli ad uso pubblico si trovano in teche sempre aperte in modo che ogni possibile soccorritore, in caso di arresto cardiaco, può prendere un salvavita e utilizzarlo, riducendo i tempi di intervento.
Obiettivo: Valutare e confrontare la sopravvivenza da arresto cardiaco nel periodo 1999-2009 (A), quando il numero di DAE ad uso pubblico e negli impianti sportivi era limitato a 70 unità e nel periodo 2010-2016 (B) quando il numero è stato implementato raggiungendo 336 salvavita.
Metodi: E’ stato condotto uno studio retrospettivo osservazionale su tutti i casi di arresto cardiaco registrati a Piacenza dal 1 giugno 1999 al 1 gennaio 2016, avvenuti in strada o in luoghi sportivi pubblici. I casi sono stati suddivisi in due gruppi: (A) se si sono verificati dal 1999 al 2009, (B) se sono avvenuti dal 2010 al 2016. Per ogni gruppo è stato valutato il tempo medio di arrivo sul posto e l’età media, oltre alla percentuale di sopravvivenza.
Risultati: In totale sono stati registrati 260 casi di arresto cardiaco avvenuti in strada o in luoghi sportivi, 187 nel periodo (A), 73 nel (B). Nel periodo (A) l’età media dei soggetti colpiti è risultata 65.03 ± 14.98, con un tempo medio di arrivo di 7.87 ± 6.61, mentre nel periodo (B) l’età media è risultata 68.4 ± 13.33 con un tempo medio di arrivo dei first responders di 7.46 ± 4.63 minuti. Nel periodo (A) sono sopravvissuti 20/187 pazienti (10.7%), mentre nel (B) 17/73 pazienti (23.3%). P<0.01.
Conclusioni: Grazie alla maggiore diffusione dei defibrillatori a disposizione della popolazione si è registrato un incremento della sopravvivenza da arresto cardiaco nei luoghi sportivi e pubblici. Grazie alla diffusione della cultura dell’emergenza, attraverso campagne di sensibilizzazione, i cittadini sono informati sulla localizzazione dei DAE e su come devono essere utilizzati; in caso di arresto cardiaco nell’attesa dei soccorsi corrono a prendere il DAE più vicino e lo utilizzano aumentando la sopravvivenza. In futuro, grazie alla sempre maggiore diffusione dei DAE pubblici la sopravvivenza dovrebbe essere ulteriormente incrementata grazie al minore tempo di intervento.

Associazione Progetto Vita
C/o U.O. Cardiologia, Ospedale di Castel S.Giovanni (PC) 

Sede sociale: Via Martiri della Resistenza 2b
Sede legale: Largo Matteotti, 16 - 29121 Piacenza
C.F. 9 1 0 6 1 5 9 0 3 3 6 - IBAN IT21L0503412600000000004437

La segreteria risponde da Lunedì a Venerdì  dalle 9:30 alle 17:00

Tel. 0523-880336

Mail:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PEC:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.